Le sculture di Annalisa Mitrano: come la materia respira le emozioni

Le sue opere generalmente fanno parte di installazioni complete che prevedono anche l’utilizzo del pavimento come base espositiva. In questo caso, comprensibili ragioni logistiche lo hanno impedito. E le sue opere troneggiano isolate ma non meno significativamente autonome. La loro solidità lotta con le trasparenze delle plastiche, con i riflessi degli specchi, con le velature, con le stratificazioni, con i nascondimenti, alla ricerca di una verità sottaciuta, oltre gli squarci, i fori, le sfibrature di dolorose ed esangui ferite.

A chi le osserva, tali sculture appaiono come muti totem, inquietanti, che però cercano di trasmettere emozioni. Solo apparentemente algide, come se la lamiera, il legno, il vetro, di cui sono composte, a un certo punto potesse respirare, sospirare, esalasse la sua anima tetra, simile alla nostra quando il tormento la fa accartocciare, tendere allo spasimo su se stessa, col rischio di slabbrarla. Sculture quindi che muovono lo spazio non lo occupano e basta. Questa la loro eccezionale peculiarità.

I titoli che Annalisa Mitrano dà alle sue composizioni, oltretutto, ci aiutano a percorrere la strada un po’ impervia della esegesi artistica che la riguarda. Si tratta di punti di riferimento molto eloquenti: La porta stretta di Gide, Simulacro, Arché, ecc. che individuano un itinerario situato tra la spinta verso l’autodeterminazione, il desiderio di apparire e di essere, e la ricerca interiore di energie silenti che si confrontano tra loro in mezzo a conflitti e sofferenze.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.